Ausilio fa sognare i tifosi: “Non è escluso un ritorno di Coutinho”

Ausilio fa sognare i tifosi: “Non è escluso un ritorno di Coutinho”

I tifosi dell’Inter, probabilmente, non digeriranno mai la cessione di Philippe Coutinho, venduto troppo presto (nel 2013) al Liverpool e per troppo poco (10 milioni) vista la sua esplosione in Premier League. Non sono i soli, comunque, ad avere rimorsi. Anche il d.s. Ausilio non fa mistero che il brasiliano sia “il suo rimpianto più grande in oltre vent’anni di Inter”. “Se fosse ancora qui oggi giocherebbe con regolarità – prosegue il dirigente nerazzurro in un’intervista all’inglese ESPN -. All’epoca non era pronto fisicamente e doveva abituarsi ad un tipo di calcio diverso”.

“Quando tornò all’Inter dopo il prestito all’Espanyol, la squadra aveva preso una nuova direzione. Avevamo cambiato nuovamente allenatore, eravamo in cerca di una maggiore continuità e abbiamo cambiato qualche giocatore. Non solo per Coutinho fu un momento difficile. Dopo un anno non giocava con continuità ma si vedeva che aveva talento. Forse avevamo qualche giocatore più talentuoso che era avanti a lui nelle gerarchie, come Diego Milito, Wesley Sneijder, Antonio Cassano e Rodrigo Palacio.Quindi non riusciva ad avere più spazio in campo, e a lui serviva questo”.

C’era un allenatore giovane come Andrea Stramaccioni e avevamo bisogno di vendere per comprare. Abbiamo avuto l’occasione di vendere un giocatore che non stava giocando e investire quei soldi su un elemento più consono alle necessità del tecnico come Mateo Kovacic, che poi abbiamo venduto al Real Madrid per quasi 40 milioni

Ausilio sembra quasi non darsi pace, tanto che non chiude alla possibilità che Coutinho, nonostante il rinnovo milionario con il Liverpool, possa un giorno tornare a vestire nerazzurro. “Adesso abbiamo dei proprietari forti, quindi non posso escludere che in futuro Coutinho possa tornare da noi – spiega – Possiamo sempre sperarci”. E i tifosi possono sognare.

fonte: gazzetta.it

SHARE